Ufficio guide outdoor

Programma

Tra Casentino e Valtiberina: Alpe di Catenaia

Difficoltà = media: dislivello tra i 500  e i 1000 metri e almeno 4 ore di cammino, allenamento minimo richiesto
Escursioni varie
 Registrazioni chiuse
Data: Domenica 2 Maggio 2021 08:00 - 19:30

Luogo: Alpe di Catenaia

L’Alpe di Catenaia separa il Casentino dalla Valtiberina e raggiunge il suo culmine con il Monte Il Castello a 1412 metri. Il suo territorio, ricco di boschi, prati e sorgenti, fu abitato fin da epoche lontane da popolazioni dedite alla pastorizia e all’agricoltura e fu causa di duri scontri tra Umbri ed Etruschi, tra Bizantini e Longobardi che si insediarono nella zona del basso Casentino, corrispondente agli attuali comuni di Subbiano e Capolona, definito nel Medioevo Terra Barbaritana. I grandi Prati della Regina sarebbero stati addirittura possesso diretto della corte di Pavia e della Regina Teodolinda. Nel Medioevo la montagna fu di varie famiglie nobili, poi della Repubblica Fiorentina che nel '600 ne concesse gran parte, ad uso di pascolo e legnatico, all’antico popolo di Catenaia (Falciano). Insieme a Monte Castello, Monte Filetto, Monte Altuccia e il Sasso della Regina, le sue cime furono teatro di una cruenta battaglia tra le truppe tedesche e quelle alleate, supportate dalla Divisione Partigiani Arezzo XXIII Brigata Pio Borri, che si concluse con la ritirata tedesca e la Liberazione di Subbiano.

Tutta la catena è percorsa da sentieri che si snodano nei boschi o sui crinali e in luoghi dai nomi suggestivi come la Fonte delle Sette Vene o la Pozza delle Stroscie (con la “I”).  Dall’Alpe scaturiscono due affluenti del Tevere, il Sovara e il Singerna, mentre sull'altro versante si gettano in Arno il Rio Cantalupo e il Torrente Gravenna.

Si parte dall’area pic nic Fonte del Baregno (1180 m) dove sono presenti un rifugio con griglie e tavoli e una fonte. Con breve deviazione, si giunge al panoramico Sasso della Regina (1250 m), per arrivare poi con il CAI n°50, godendo di una meravigliosa vista su La Verna che sembra di toccare, al Monte Il Castello (1412 m), vetta più alta dell’Alpe. Qui sono presenti un cippo a ricordo della Liberazione di Arezzo del ’44 e un pannello descrittivo del territorio. Cercando di non vedere le orrende antenne poste qui e sul Monte Altuccia, godiamo di una vista mozzafiato a 360°, carezzando con lo sguardo lo sconfinato prato che ci accompagna attraverso i Prati della Regina (dove si possono incontrare cinghiali, cavalli, pecore o osservare aquile, falchi e uccelli migratori o sedersi tranquilli ascoltando il fruscio del vento) fino al Monte Altuccia (1407 m) (dal quale l'occhio può spaziare fino all'Adriatico e al grattacielo di Cesenatico, la Valtiberina là sotto, la piana di Arezzo e l'alta valle dell'Arno dall'altra parte) e poi giù alla Pozza delle Stroscie - con la “I”…- (1345 m): un laghetto con iris gialli dove faremo pausa pranzo. Superata la Casetta del Vaccaio, rifugio di un tempo per pastori di bovini al pascolo che conserva ancora gli antichi anelli e gli abbeveratoi e oggi aperto a tutti, faremo una deviazione a/r per la Sorgente delle Sette Vene, poi con le Marche davanti a noi arriviamo a Faggeto (1192 m): poche case, una chiesina e un’area pic nic. Da qui chiudiamo un secondo anello col CAI n° 13 che ci riporta alla Fonte del Baregno.

Iscrizioni entro venerdì 30 aprile 2021.
Dopo questa data è necessario contattare la guida per avere la conferma

Le Guide sono tutte in possesso di assicurazione R.C.di legge,
i partecipanti alle varie attività NON sono coperti da assicurazione personale infortuni.

 


coocarda 20

.

 

 

 Registrazioni chiuse

 

Telefono
349/1788038
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet
Guida escursionistica
Valeria Rossi
Ritrovo
Ore 8.00 Tuscany Hall (ex ObiHall) Firenze. (Possibile ritrovo sul posto: Bar Rist. Pizzeria La Vecchia Scuola di Falciano, Subbiano).
Indicazioni stradali
Con auto proprie a Fonte del Baregno (Arezzo). Autostrada A1 uscita Arezzo, poi seguire per Bibbiena; destra per Falciano e Alpe di Catenaia; sinistra per Alpe di Catenaia e Casa Taverni (circa 1h45’, 102 km).
Tempo di percorrenza
4,5-5 ore circa (esclusi pranzo e soste)
Dislivello totale in salita
Dislivello: 300 m circa, 600 m totali circa
Lunghezza del percorso
14 Km circa
Difficoltà tecnica
Medio-facile/media.
Impegno fisico
Medio-basso
Occorrente
Scarponi da trekking con suola antiscivolo e in Goretex, zaino con coprizaino, pranzo al sacco, acqua per l’intera giornata, giacca in Goretex con cappuccio, mantella per la pioggia, abbigliamento a strati, macchina fotografica, eventuali bastoncini teles
Quota di partecipazione con TESSERA FEDELTA'
14,00 € a persona
Quota di partecipazione
18,00 € a persona
La quota comprende
• assistenza guida ambientale escursionistica abilitata ai sensi della L.R. 86/2016; • organizzazione e coordinamento delle attività e del gruppo.
La quota non comprende
• il pranzo al sacco; • il trasferimento con mezzi propri/pubblici fino al luogo del ritrovo e/o della partenza del trek; • assicurazione personale infortuni; • tutto quanto non indicato nel programma.
n° di partecipanti
Minimo 10 persone
 Registrazioni chiuse

 

 Tessera fedeltà:
La tessera è valida 365 e dovrà essere sempre presentata alla Guida che applicherà il bollino,
senza di essa non si avrà diritto alle agevolazioni.

Pagamento acconto:
L'acconto potrà essere pagato
secondo le modalità che indicherà la guida quando invierà la conferma dell'iscrizione

 

Date

Per visualizzare le escursioni previste in altre date, vedi il programma completo

  • Domenica 2 Maggio 2021 08:00 - 19:30
  • Domenica 2 Maggio 2021 08:00

© 2020 Ufficio guide.  Via F. Nullo, 23 - 50137 Firenze - P.I. 06749740483

Designed with and by Elisa Valle, thanx to JoomShaper.
Powered by Joomla!, a Free Software released under the GNU/GPL License.

Questo sito e gli strumenti di terze parti da esso utilizzati si avvalgono di cookies. Continuando a navigare accetti il loro uso.